di Paolo Uliana

Progetto26

Dopo cinque anni di inattività (Helix è dell’estate del 2007), ho pensato che fosse arrivato il momento di mettermi di nuovo al lavoro.

Ho creato la categoria Progetti sul blog, preso carta e matita e messo giù questi schizzi che dedico con tutto il cuore a chi chi mi hanno incoraggiato a proseguire.

Non ha ancora un nome ma, per adesso, si chiama già Progetto26.

 

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneShare on StumbleUpon
5 commenti
  1. Non vedo l’ora di vederlo realizzato, e di seguire ogni momento della sua costruzione!

  2. Sarà un piacere…

  3. Paolo, ho appena letto la tua mail di risposta… e’ splendido come certe sensazioni e certe affinita’ affettivo-spirituali siano cosí presenti tra alcuni di noi, nonostante ci si veda cosí poco. Ma, come dici tu, NON DIVAGHIAMO TROPPO, torniamo al tuo lavoro: per poco che possa valere, ti comunico la mia grande gioia nell’apprendere che tornerai a CREARE una nuova OPERA, é una cosa che ti invidio moltissimo , se tu non ti ci dedicassi piú, sarebbe una piccola perdita anche per me! Tienimi aggiornato e sappi (spero di non spaventarti) che quando sará pronta verró a vederla, magari con qualche amico. Prepara un paio di litri di vinello, di quello buono!

  4. Spero che sia il prima possibile… ti informerò. Quanto al vinello è sempre pronto 🙂

  5. A volte, in qualche momento d’interrogazione sul senso della vita, mi sono ritrovato a osservare il movimento perpetuo delle tue sculturi, in apparenza scolegato dalle leggi abituali, provando a decifrare il mistero della mecanica (senza successo). Contentissimo di trovare qualche spiegazione sul sito. Non toglie niente al mistero ne al fascino. L’idea di seguire l’invenzione fin dallo schizzo mi entusiasma come a scoprire un codex di Leonardo da Vinci. Essagero un po’, ok. Conosco altri che non capiscono l’italiano, sfortunatamente, ma che appassionerebbe il tuo sito (anche lui una bella mecanica, spero che faccia anche la correzione ortografica automatica). Tanti auguri. Tornando all’inizio: osservare le tue opere mi dava pace – “c’è una possibilita di scapare dalla pesantezza, ecco la prova”. Questa opera vale veramente la pena!

Scrivi un commento