di Paolo Uliana

Articoli con tag ‘movimento’

Tipi di movimento

All’inizio della descrizione delle opere è riportata la dicitura Verticale, Orizzontale o Basculante. Queste definizioni descrivono il moto delle sculture e la ho adottata per dividerle in tre categorie principali, ognuna delle quali ha un insieme di soluzioni tecniche e di risposta al vento diverse.

Cerchio - nel verdeLa categoria Verticale è quella concettualmente più semplice: l’asse di rotazione è verticale e quindi la direzione da cui proviene il vento è indifferente. Le pale (nel caso di Cerchio sono coppette) quando sono investite dal vento dalla parte concava imprimono una spinta al rotore, mentre quando sono investite dalla parte concava la imprimono lo stesso ma in modo molto minore. Lo scompenso tra le azioni fa girare il tutto.

Libellula - vista d'insiemePer le opere della categoria Orizzontale occorre invece che il rotore (con asse orizzontale) sia direzionato da un timone in modo da disporsi frontalmente alla direzione del vento. Gli snodi saranno due: uno per permettere al timone di ruotare l’opera in favore del vento e uno per il rotore. Il rotore segue lo stesso principio di funzionamento della categoria precedente oppure può essere formato come un’elica.

Libra - vista frontaleLa categoria Basculante si muove grazie a un contrappeso che riporta la pala in posizione dopo che questa è stata spinta dal vento in una posizione in cui il carico del vento è minore. In altre parole, la pala sia abbassa e inclinandosi prende sempre meno vento, finché il contrappeso non la porta nella posizione originale. Anche queste sculture hanno bisogno di un timone per direzionare la pala in favore del vento.

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneShare on StumbleUpon